Reading list del 2017

Ciao a tutti!
Con il nuovo anno arrivano nuovi libri, nuove letture e nuove storie.
Come probabilmente già saprete, non sono il tipo di persona che si concentra su un solo libro, lo legge dall’inizio alla fine e prosegue con il successivo. No,  sono il tipo di lettrice che inizia un libro, poi ne compra un altro e comincia anche quello, e che ha una lista di libri iniziati lunga 1′ titoli tra romanzi, saggi e il resto. Quindi, la mia reading list del 2017 comprenderà libri da finire dell’anno scorso, e tanti nuovi libri che sono già sulle mie mensole ma che non ho ancora aperto.

Libri da finire:
– The Year of Living Danishly – Helen Russell
– Diari – Sylvia Plath
– Trance Formation of America – Cathy O’ Brien
(Questo libro è così pesante e triste, che mi ci vorrà un altro anno per finirlo!)
– Fiabe e storie – Hans Christian Andersen
– Woody Allen, Conversazioni su di me e tutto il resto – Eric Lax
– Elisabetta I – Carolly Erickson

Libri da iniziare: (E, incrociando le dita, finire, ma non contiamoci troppo!):
– La Campana di Vetro – Sylvia Plath
– Il Mondo Nuovo – Aldous Huxley
– Arancia Meccanica – Anthony Burgess
– Delitto e Castigo – Fëdor Dostoevskij
– Hygge: il metodo danese dei piaceri quotidiani – Louisa Thomsen Brits
– Il Giovane Holden – J.D. Salinger
– Harry Potter and the Philosopher Stone – J.K. Rownling
(Si, lo so, era ora!)
– Ecce Homo – Friedrich Nietzsche
– Fahrenheit 451 – Ray Bradbury

Il mio proposito è di leggere almeno un libro al mese; considerando che il mio tempo per leggere si restringe ai viaggi in treno, dovrò spegnere film e serie tv per riuscirci, ma ci metterò del mio meglio. E probabilmente imparerò anche a finire un libro senza iniziarne un altro.

Click here for the English version!

Share this Post

3 Comments

  1. Pingback: Reading list of 2017 - "Borne back ceaselessly into the past."

  2. Come vorrei essere una di quelle persone che leggono un libro alla volta. Anche io ne accumulo a decine, ma l’unico che mi interessi davvero di quelli che sto leggendo adesso è La campana di vetro di Sylvia Plath. L’ho riscoperta quasi per caso quest’anno, ritrovando un vecchio libro di poesie in casa. Oltre che la sua produzione poetica, mi interessa molto la sua figura. Abbiamo diversi libri in comune, anche Il Giovane Holden è nella lista prioritaria. Altri già li ho letti.
    Un saluto 🙂

    1. Siamo all’inizio di maggio, e io ho già fallito i miei buoni propositi letterari.
      Sono un caso perso! Ho letto altri libri, non ho finito nessuno di questi e ne ho cominciati molti altri! Non c’è nulla da fare, per me la lettura dev’essere senza regole!
      Mi fa piacere condividere con te l’interesse per Sylvia Plath. E’ una delle mie preferite.
      Grazie per il tuo commento! 🙂

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*